logo di stampa italiano
 
 
Sei in: Schemi di Bilancio consolidato » Conto Economico Consolidato

13 Imposte sul reddito

 

La composizione della voce è la seguente

mln/€20062005Variazioni
Imposte correnti ,differite ed anticipate 79.00866.05612.953
Totale79.00966.05612.953

L’incidenza complessiva delle imposte del periodo sul risultato ante imposte è del 44%.

Si rende noto che ai sensi e per gli effetti dell’art. 27 della Legge 18/04/05, n. 62, che ha stabilito la procedura per il recupero degli aiuti di stato dichiarati illegittimi dalla Decisione 2003/193 del 5 giugno 2002 della Commissione UE, Hera S.p.A ha presentato le dichiarazioni dei redditi relative ai periodi d’imposta interessati dal regime di esenzione. L’Agenzia delle Entrate territorialmente competente ha completato l’attività di verifica presso la società relativa alle suddette dichiarazioni, emettendo processo verbale di constatazione in data 17 ottobre 2005; la Società ha quindi presentato memorie in data 1° dicembre 2005. Peraltro, il comma 132 della Legge Finanziaria, Legge n. 266 del 23 dicembre 2005 ha introdotto rilevanti modifiche all’art. 27 della Legge 18/04/05, n. 62, prevedendo, tra l’altro, un allungamento dei tempi per il recupero degli aiuti ed uno spostamento di competenza dal Ministero delle Finanze al Ministero degli Interni. E’ stato quindi emanato il DL n° 10 del 15/2/2007, in vigore dal 16/2/2007, con il quale sono state disciplinate le modalità di restituzione degli aiuti dichiarati illegittimi.   Tale decreto, alla data attuale, deve essere convertito in legge.

Si fa inoltre presente che, secondo quanto stabilito dagli accordi fra i soci all’atto dell’integrazione societaria che ha portato alla formazione di HERA e riportato nel Prospetto Informativo di quotazione, gli Enti Locali si sono impegnati ad indennizzare HERA per ogni eventuale costo, perdita o danno subito da HERA in relazione a provvedimenti normativi obbligatori che revochino le agevolazioni tributarie di cui la Società e le società partecipanti all’integrazione abbiano usufruito”. Conseguentemente HERA SpA non ha ritenuto di dover appostare in Bilancio oneri aggiuntivi.

Relativamente alla ex Meta SpA si precisa che i periodi di imposta interessati alla moratoria sono stati oggetto di definizione automatica (“tombale”) ai sensi dell’art. 9 della Legge n.289/2002 e pertanto relativamente ad essi risulta preclusa ogni attività di accertamento secondo quanto disposto dall’articolo 9, comma nono, della citata Legge n.289/2002. Il presente Bilancio non riflette alcun accantonamento a tale titolo in quanto gli Amministratori, sulla base dell’attuale status normativo, ritengono che il rischio di restituzione delle imposte a seguito di un esito finale negativo dell’intera procedura di infrazione sia possibile, ma non probabile.

Prudenzialmente, per l’eventuale passività generata dall’integrazione con Meta SpA e in continuità con la delibera assunta in data 15 gennaio 2003 dalla medesima Società, si ritiene di vincolare una quota di Riserve disponibili, pari a 4.100 euro migliaia, a copertura degli eventuali oneri conseguenti al recupero degli aiuti di stato dichiarati illegittimi dalla Commissione Europea.