logo di stampa italiano
 
 
Sei in: Il Gruppo Hera » Lettera agli Azionisti

Lettera agli azionisti

Gentili Azionisti,
Vi presentiamo il consuntivo della Vostra azienda con riferimento al quarto anno di attività
dalla sua costituzione.
Prima di illustrarVi i risultati conseguiti nello sviluppo del Gruppo, ritengo doveroso ricordare
che l'anno in esame è stato purtroppo caratterizzato anche da un evento luttuoso, causato da
una esplosione della rete gas in provincia di Bologna, che ha causato vittime alle cui famiglie
rivolgiamo nuovamente il cordoglio della intera comunità aziendale.
Anche nel 2006 la società ha proseguito nel suo impegno per la realizzazione di quanto
previsto dal Piano Industriale con l'obiettivo centrale di qualificare ulteriormente la propria
offerta di servizi sul territorio di riferimento.
Ciò si è tradotto nei positivi risultati che la crescita commerciale, l'intensa ricerca di efficienza
organizzativa e gli ulteriori ampliamenti del perimetro di attività hanno consentito di
consuntivare nel bilancio oggi presentato.
In uno scenario di settore caratterizzato da tre fondamentali elementi costituiti dalla
prosecuzione del processo di consolidamento con costante riduzione del numero degli
operatori, dalla più accentuata e complessa evoluzione del quadro normativo e
regolamentare e dalla crescente intensità dei processi di competizione, non solo nazionale
ed ormai presente ai diversi livelli della catena del valore, Hera non ha rallentato l'intensità
dello sforzo di crescita e la qualità dei relativi risultati.
Dopo la rilevante attività dedicata al processo di integrazione organizzativa del territorio
modenese, si sono portate a termine operazioni straordinarie per rafforzare la nostra
presenza territoriale (ASPES Pesaro, SAT Sassuolo e GAS Riccione) e, a livello
impiantistico, con l'acquisto della rete ENEL nella provincia di Modena (per un importo
complessivo di 183 milioni di Euro).
Altrettanto impegnativo e sui medesimi livelli dell'anno precedente è stato anche lo sforzo
investitorio (321 milioni di Euro), in misura prevalente finalizzato a migliorare le infrastrutture
di rete dedicate al ciclo idrico e agli impianti del settore ambientale.
Tutto ciò non ha intaccato le solide basi patrimoniali del Gruppo che ha davanti a sé ancora
un anno di impegno straordinario e che, come condiviso dai suoi azionisti, si propone di
rimanere in posizione di avanguardia anche nel processo di ulteriore consolidamento del
settore delle utilities.
Mi preme qui ricordare, non solo per gli effetti determinatisi sulla valorizzazione del capitale
dei nostri azionisti che ha avuto un ottimo andamento anche nel corso del 2006, che
l'azienda ha saputo consolidare ulteriormente la propria relazione trasparente e continuativa
con gli investitori conquistando quindi l'apprezzamento del mercato.
Anche sul versante dei servizi, si è trattato di un anno significativo per la progressiva messa
a regime delle modalità di relazione con la clientela che avevano subito in precedenza
momenti di difficoltà legati al profondo cambiamento resosi necessario nelle strutture
informatiche del Gruppo a seguito delle fusioni societarie intervenute. Tale processo si
concluderà alla metà del corrente anno con l'unificazione dei sistemi di gestione anche nei
territori di Ferrara e Modena.
Intenso è stato, più in generale, l'impegno ad una gestione costantemente attenta ai principi
di sostenibilità che hanno trovato riscontro in una rilevante serie di iniziative che risulteranno
evidenziate nell'imminente pubblicazione del Bilancio di Sostenibilità.
Confidando di avere il conforto di tutti i nostri azionisti nella realizzazione dei programmi in
corso e in particolare nella completa esecuzione dei piani di rafforzamento impiantistico da
tempo definiti, rivolgo un ringraziamento non formale al Consiglio di Amministrazione, al
Collegio Sindacale e a tutti i dipendenti che hanno contribuito al raggiungimento dei risultati
dell'ultimo esercizio.